Zero
Che cosa può spingere un critico d’arte contemporanea a scrivere la biografia del «suo» mito che lo ha accompagnato dall’adolescenza all’età matura? Prima di tutto la Zerofollia, credo assoluto al di là delle mode e del tempo. Così Luca Beatrice ripercorre la storia del grande Renato dagli esordi, il primo singolo è del 1967, a oggi, leggendo con passione e rigore filologico la sua carriera e i suoi successi. La vicenda del funambolico cantante romano si intreccia così con quella della canzone italiana, ma anche della cultura in generale, in un’analisi che coinvolge l’arte e il teatro, la performance e la televisione. Ancora oggi Renato Zero canta e balla negli stadi, nei teatri e nei palasport davanti a nonne e mamme, quarantenni e ragazzini, rocchettari e teledipendenti. Perché? Forse è inspiegabile, eppure disco dopo disco, generazione dopo generazione, non c’è in Italia un solo artista capace meglio di lui di interpretare i sentimenti più autentici. Ogni nota racchiude quelle tracce indelebili di un romanzo umano e creativo condiviso da milioni di persone. Canta direttamente al cuore, diventando così la colonna sonora dei migliori anni della nostra vita.

Book details

About the author

Luca Beatrice

Luca Beatrice (Torino, 1961). Critico d’arte, docente all’Accademia Albertina e allo IAAD di Torino, ha pubblicato, tra gli altri, una monografia dedicata a Renato Zero e un omaggio alla «sua» Juventus: Gli uomini della signora. È autore di diversi libri sull’arte, tra i quali Da che arte stai? Una storia revisionista dell’arte italiana (2010), Pop. L’invenzione dell’artista come star (2012), Sex. Erotismi nell’arte da Courbet a Youporn (2012) e di Nati sotto il Biscione. L’arte ai tempi di Silvio Berlusconi (2015). Collabora con «il Giornale» e con la rivista «Riders». È presidente del Circolo dei lettori di Torino.

You will also like

EPUB PDF